Zur Hauptnavigation springen [Alt]+[0] Zum Seiteninhalt springen [Alt]+[1]

Una giovane sarda racconta

 

La mia isola


Ecco un ritratto della Sardegna di oggi come la vede Elisa (18), studentessa di Oliena (provincia di Nuoro). Elisa ha trascorso un anno a Friburgo e – con questo testo – ha cercato di descrivere la Sardegna come la vede e come la vive.

In Sardegna, le montagne sembra abbiano aver lottato per prendere il sopravvento , ma è il mare che fa da padrone, tiranno ed egoista, emblema dell’immobilità e fluida monotonia di questo piccolo, lontano angolo d’Italia.

La Sardegna, le sue spiagge e i suoi paesini, i suoi disoccupati, i suoi turisti e i suoi giovani senza progetti. La Sardegna e le sue vecchie donne, nelle loro vecchie, nere e lunghe gonne, che siedono insieme su vecchie panche di marmo; che osservano, quasi spiano , i ragazzi che si rubano i primi baci, le prime carezze; che si nascondono per fumare le prime sigarette. Questi spesso non sanno di essere guardati, o semplicemente non se ne interessano e sbandierano l’illusione di non invecchiare mai, la convinzione di non farlo, comunque, come loro: non come quelle vecchie donne. Loro, non sono mai state così sfacciate , così libere: non hanno conosciuto alcun altro uomo, al di fuori del proprio; nessun’altra casa, al di fuori della propria. Poche hanno viaggiato, o hanno mai voluto. Alcune hanno dovuto: le offerte di lavoro sempre poche, e le esigenze sempre troppe. Quel paese dove sono cresciute, ce l’hanno impresso nella pelle, negli occhi, sotto le dita. Le orecchie e la lingua sono attraversate da quel dialetto antico, quei proverbi ed espressioni che nessuno sa più da dove derivino e che rispecchiano tutto ciò che loro conoscono, la fatica e le feste paesane.

La Sardegna e i suoi vecchi uomini, seduti nei tavolini dei bar, nelle piazze vuote; vecchi uomini che vagano insieme per le stradine, le mani strette dietro la schiena, i capi piegati in avanti a osservare le vecchie scarpe da passeggio . Vecchi uomini, che spesso non vogliono lasciarsi andare agli anni che passano, e si chinano ancora a lavorare su quei fazzoletti di terra che non hanno voluto cedere a figli o nipoti. Vecchi uomini, che la sera si addormentano davanti alla televisione accesa che trasmette film western visti e rivisti, sprofondati in poltrone a cui sono affezionati come quanto lo sono agli anni svaniti della loro giovinezza. Le redini della casa sono state lasciate, da tempo, forse da sempre, nelle mani delle mogli, affidandoci anche le preoccupazioni per i figli lontani che non vedono spesso, per quei nipoti che sembrano prendere una cattiva strada.

I ragazzi, si sa, vogliono vivere a modo proprio, vogliono avere tutto e subito. Per molti di loro quel “tutto” è lì, tra le vecchie stradine buie, muri colorati da vandali dilettanti e i mozziconi di sigarette che puzzano ancora di proibito. Alcuni, non hanno alcun’altra possibilità se non quella di cercarlo, trovarlo o costruirlo lì, quel “tutto”. E poi ci sono gli altri, quelli illusi di potersi lasciare alle spalle l’odore del mare, di poterlo attraversare alla ricerca di qualcosa, cosa, spesso non si sa, e quello che ancora non si sa, è che quel pezzo di Sardegna, dove sei nato e cresciuto, non ti abbandona. Non va via, come fa il sale, con una doccia dopo una giornata al mare, e non sparisce dopo un po’ di tempo come l’abbronzatura di un’estate.

La Sardegna non ti lascia, rimane a ricordarti che anche se scappi, è a lei che appartieni: appartieni alla fatica di quei vecchi, al silenzio pomeridiano delle stradine assolate , alla disillusione dei giovani meno fortunati di te; che appartieni alle spiagge tristi e vuote delle giornate invernali, e a quelle afose delle domeniche estive; che appartieni a quel mare.


Con il gentile permesso di Elisa Casula, 06/2011

annotazioni:

r.  2 il ritratto das Porträt
r.  5 il sopravvento il vantaggio, il predominio
r.  6 l’emblema (m) il simbolo

fluido,a flüssig, wandelbar
r. 10 spiare nachspionieren
r. 12 sbandierare far vedere
r. 14 sfacciato,a unverschämt, frech
r. 15 al di fuori qui: tranne, salvo
r. 17 l’esigenza la necessità
r. 19 derivare da prendere origine
r. 22 vagare andare da luogo a luogo
r. 23 il passeggio la passeggiata
r. 24 i fazzoletti di terra kleine Stücke Land
r. 25 cedere dare, lasciare
r. 26 sprofondarsi abbandonarsi, lasciarsi andare
r. 27 svanito,a scomparso,a
r. 28 le redini die Zügel
r. 32 dilettante una persona che non ha esperienza

i mozziconi die Zigarettenstummel
r. 34 illudersi (p.p. illuso) ingannarsi (con vane speranze)
r. 40 assolato,a pieno,a di sole


Comprensione del t
e sto:

  1. Il testo parla

    Quadrat    della vita in un paesino sardo
    Quadrat    delle differenze tra gli anziani e i giovani
    Quadrat    dei rapporti tra donne e uomini
    Quadrat    della scontentezza dei giovani


  2. Secondo l’autrice

    Quadrat    le donne anziane non hanno voluto viaggiare in un altro posto
    Quadrat    gli uomini anziani danno con piacere il loro terreno ai figli
    Quadrat    i giovani vorrebbero abbandonare l’isola
    Quadrat    molti giovani non sanno che porteranno la loro isola per sempre nel loro cuore


  3. Quali dei seguenti aggettivi caratterizzano l’autrice del testo

    Quadrat    superficiale
    Quadrat    sentimentale
    Quadrat    sincera
    Quadrat    delusa
    Quadrat    pensosa
    Quadrat    spensierata
    Quadrat    calorosa
  4. Se tu dovessi parlare della tua città, del tuo paese, come l’ha fatto Elisa nel suo testo, cosa scriveresti? Comincia la prima frase con:

    “In Germania … / … a Friburgo,

    _______________________________________
    _______________________________________
    _______________________________________
    _______________________________________
    _______________________________________
    _______________________________________
    _______________________________________
    _______________________________________

 

Soluzioni


La mia isola: Herunterladen [doc] [41 KB]